Liberati dalla paura della crisi economica

Aggiornamento: 27 nov

Cosa è successo in questi ultimi anni?

Inutile elencare le varie "emergenze" che ci hanno toccato da vicino, non voglio infatti concentrare il tuo focus su questo.

Piuttosto, in questo post cercherò di farti capire che, se vuoi definitivamente liberarti dalla paura della crisi, hai bisogno di cambiare il tuo punto di vista.



liberati dalla paura della crisi economica

Ogni giorno infatti veniamo bombardati da notizie e immagini che vengono registrate dal nostro cervello in modo inconscio fino a riempire i nostri pensieri di insicurezze e paure.


Ma ti do una buona notizia.

C'è un modo per evitare che tutto questo abbia un impatto negativo su di te e sulla tua vita.

E per fartelo capire, oggi voglio condividere con te un estratto dell'intervista che abbiamo realizzato con Patrick Albertengo, un giovane imprenditore da 600k.




Ma prima rispondi a questa domanda:


Come hai vissuto in questi ultimi anni?

  • Sono sopravvissuto... è stata dura

  • Mi sono concentrato su me stesso

  • Non sono riuscito a trovare opportunità di crescita




Crisi VS Cambiamento


Patrick Albertengo, fondatore della società Reopla S.r.l, un’azienda specializzata nella realizzazione di soluzioni informatiche dedicate al mercato del Real estate, mette in chiaro una cosa molto interessante:


“Non ci sono crisi ma solo cambiamenti”

Partiamo da qui:

il mercato, proprio per motivi intrinsechi al suo funzionamento, è in continuo cambiamento.

Certo, a volte cambia in negativo, ma una fase in discesa è sempre seguita da una fase di crescita.



Seguimi in questo esempio:

E’ l’ora di comprare una auto nuova e finalmente hai le risorse per farlo.

Come hai guadagnato i soldi che ti servono per acquistarla?

Semplice!

Ti sei impegnato a lungo, con costanza, rinunciando magari a qualcos'altro, per raggiungere la somma.


Ecco, se dovessimo vedere questi tuoi sforzi da un altro punto di vista, potremmo anche dire che hai attraversato una fase di “crisi”:

magari hai rinunciato ad uscire il sabato sera, hai ridotto le cene fuori a una volta al mese o le hai cancellate del tutto, hai rimandato una vacanza programmata e così via:

tutto questo proprio per comprare l'auto dei tuoi sogni.


Cosa significa questo? A te sembra davvero di aver appena passato un periodo di crisi?

Oppure per tutto il tempo sei stato entusiasta all'idea concreta dell'acquisto di una nuova auto che giorno dopo giorno si faceva più vicina?


Quel periodo di "rinunce" è stato davvero negativo per te?


Ovvio che no! Hai rinunciato a qualcosa, ma ora che sfrecci con la tua nuova auto fiammante, puoi tornare al tuo stile di vita con una tacca in più da aggiungere alle tue soddisfazioni.


Hai capito allora qual è il trucco?



Attraverso un periodo più complicato si raggiunge un periodo sereno


I 3 fattori


Patrick è il fondatore di un’azienda italiana e nella nostra intervista sposta questo concetto che abbiamo appena visto sulla situazione delle aziende in Italia.


Se sei un imprenditore, saprai bene che le attività in Italia avvertono difficoltà in 3 aspetti fondamentali:

  1. Crescita

  2. Competizione

  3. Assunzione di nuovo personale


Com’è possibile? - ti chiederai


Il primo punto è che, nel 2022, così come negli ultimi anni, per crescere un'azienda deve fare i conti con il mercato mondiale:

chiaramente dipende dal settore di appartenenza, ma ad esempio è più probabile che il customer compri un prodotto fabbricato in uno dei Paesi con manodopera a costo basso perché, appunto, “costa meno”.


Ed è vero anche che purtroppo il nostro Bel Paese non ci aiuta affatto in questa corsa.

Dato che è difficile crescere per questo ed altri motivi correlati, un'azienda diventa anche poco competitiva, e di conseguenza ha meno possibilità di assumere nuovi collaboratori.


Ma è qui che sta la risposta del giovane imprenditore che abbiamo già visto in questo post.


Alla domanda

Cosa posso fare?

la risposta è solo UNA:


Cavalcare il cambiamento

senza piangerti addosso!


Non importa quant’è difficile, l’importante è non lasciarsi abbattere.

E persone come Patrick Albertengo continuano a farlo, portando concreti risultati per sé e per le proprie aziende.


Il succo della questione è: la crisi non è invalidante se le dai un altro nome.

Qual è questo nome?

Cambiamento.


Perchè chi è pronto al cambiamento non ha paura delle crisi

E se anche la parola cambiamento ti fa paura, dammi ancora 3 minuti del tuo tempo e ti mostrerò come affrontarlo con serenità (e dare una svolta positiva alla tua vita)



Ti aspetto sul nostro Canale Telegram