Le 3 abitudini che mi hanno cambiato la vita (e il lavoro)

Ti parlerò oggi delle 3 abitudini che mi hanno cambiato - in positivo - la vita e il lavoro. Specifico “in positivo” perché, come saprai, le abitudini possono essere anche negative: purtroppo, infatti, il nostro sistema nervoso non è in grado di capire se l’abitudine che sta creando o che ha già è positiva o negativa, lui la crea o la utilizza e basta.


Per sviluppare quindi una buona consapevolezza riguardo alle nostre abitudini, dobbiamo utilizzare la nostra parte conscia, analizzare la situazione e capire in quale direzione esse ci stanno portando.

Durante tutti questi anni ho cercato di sviluppare delle abitudini o rinforzarne delle altre che mi indirizzassero, mi guidassero in modo quasi automatico verso ciò che voglio raggiungere. E con il tempo mi sono accorto che, tra quelle che ho adottato, 3 sono state in particolare molto importanti.


E voglio condividerle oggi con te.



N.1 LEGGERE

Leggere - l'importanza di farlo ogni giorno

Sembra sempre strano.

Possibile che leggere sia così importante?

Eppure sembra così tanto una perdita di tempo!


Quanti di voi la pensano davvero così?


Beh, vi dirò: leggere per almeno 30 minuti al giorno ogni giorno mi ha permesso di:

  • ottimizzare il mio modo di ragionare

  • avere più idee

  • migliorare il mio modo di parlare

  • arricchire il mio linguaggio, imparando molte parole ed espressioni nuove

  • approfondire concetti che prima conoscevo solo in superficie.

In che modo questo può rivelarsi utile nella pratica?


Ti faccio un esempio:

se leggi molti libri di crescita personale, libertà finanziaria o altri argomenti simili, utili alla tua crescita, dopo poco tempo vedrai come, in automatico, tutti gli accorgimenti che hai trovato al loro interno inizieranno a fare parte di te, del tuo modo di pensare e di essere.

Senza che te ne renda conto, finiranno quindi per condizionare il tuo stile di vita permettendoti di apportare quei cambiamenti che ti servono per migliorare la tua vita.

È un processo inconscio che funziona solo se è costante:

più ti immergi in un dato argomento, più trascorri il tempo imparando e leggendo informazioni inerenti ad esso, più riuscirai ad impararlo per bene e ad implementarlo nelle tue abitudini.


Tra l'altro, se ti interessa approfondire l'argomento, qualche giorno fa in un video abbiamo parlato dell'efficacia di leggere in particolare libri di crescita personale (guardalo qui)



N. 2 DORMIRE

l'importanza di dormire bene e abbastanza

Tempo fa mi capitava di decidere la sera prima che il giorno dopo mi sarei dovuto svegliare ad un certo orario, e la decisione che prendevo diventava legge, era tassativa: non la cambiavo per nulla al mondo. Ovviamente mi posso permettere di decidere a che ora svegliarmi perché svolgo una professione online e lavoro prevalentemente da casa.

Ora, se alla sera facevo fatica ad addormentarmi e quindi non mi addormentavo in tempo per riuscire a dormire 8 ore, il necessario per me, chiaramente dormivo meno. Di conseguenza, al mattino avvertivo una fatica mostruosa a svegliarmi e finivo per sembrare uno zombie tutto il giorno: ero senza energie, lavoravo poco, ci mettevo il doppio del tempo a fare certe attività.

E sai qual era la cosa peggiore? Che non lo ammettevo. Ero quella persona che diceva: ma si, dai che vuoi che sia, che sarà mai se dormo 4-5 ore.

Eppure, puntualmente finiva sempre così: con un nullafacente in giro per casa che allo specchio aveva i miei occhi.


Scommetto che anche tu conosci la sensazione, vero?


A un certo punto mi sono accorto quindi che non potevo andare avanti così, avevo delle necessità che non riuscivo a soddisfare con un'abitudine del genere, così mi sono costretto a cambiare.


Adesso dormo il necessario, che significa il necessario per me. Esiste infatti un numero magico che va bene per tutti? Se vuoi scoprirlo, ne parlo nell'articolo Quanto influisce il sonno sulla produttività? (leggilo qui)



3. FARE UNA PAUSA

fare una pausa - passeggiando o facendo attività fisica - staccare dal lavoro - ricaricare le energie

L’ultima abitudine consiste nel ritagliarsi dei momenti di pausa durante la giornata facendo attività fisica o una passeggiata.

Questo mi permette infatti di gestire al meglio lo stress e recuperare in circa 30 minuti-1 ora le energie mentali investite durante la giornata.


Attenzione: si tratta proprio di staccare, non di passeggiare ma pensare comunque al lavoro o alle preoccupazioni.

Altrimenti, stai solo perdendo tempo perché è come se stessi già lavorando.


Piuttosto, mi concedo quei minuti per staccare e non pensare a niente, soprattutto al lavoro.


Qualche volta mi capita anche di dormire per 30-40 minuti oppure stare steso semplicemente nel letto e anche questo mi aiuta a rigenerarmi e a recuperare le energie.



Bene, ora che hai imparato questi 3 strumenti, ti consiglio di metterli in pratica subito e con costanza... ti stupirai di quanto davvero facciano la differenza!


Ci sono inoltre altre 3 cose che puoi fare se ti interessa essere più produttivo in generale:

  1. Capire se sei un procrastinatore seriale, ovvero una di quelle persone che, anche se ha molto tempo, lo investe in attività non produttive (scoprilo qui)

  2. Scoprire come liberarti dal disordine interiore ed esteriore per riprendere in mano la tua vita (leggilo qui)

  3. La cosa migliore che puoi fare: scoprire l'insieme delle regole e dei comportamenti per fare della produttività la tua caratteristica naturale! E ovviamente, metterli in pratica... come? Immergendoti in Double Productivity, il percorso pensato per chi vuole essere spontaneamente produttivo, il corso che non ti insegnerà delle tecniche sparse da applicare arduamente, ma ti guiderà passo passo per integrare le migliori strategie, rendendo la produttività parte integrante della tua indole. Cosa aspetti?

Post recenti

Mostra tutti