Cerchi lavoro? Resta nella tua zona di comfort

Quando ho risposto così ad un mio amico appassionato di crescita personale, si è messo a ridere.

E se lo stai facendo anche tu, perché pensi che non uscendo dalla tua zona di comfort non ti aprirai a nuove opportunità... beh, aspetta e continua a leggere quello che ho da dirti.


Ascolta il mio punto di vista e poi decidi cosa ti conviene fare. E ascolta bene perché potresti scoprire che può essere molto più funzionale avere un approccio dove l’idea principale è quella di restare sempre nella zona dove più ti senti a tuo agio.

E ti spiego a breve come.


Prima però è utile capire esattamente e una volta per tutte di che cosa stiamo parlando.



Cos'è la zona di comfort


La famigerata zona di comfort di cui tutti parlano come se fosse qualcosa da evitare ad ogni costo altro non è che quello spazio dove ci sentiamo al sicuro, dove la percezione del rischio è al minimo e dove tutto ciò che facciamo si trova nella categoria dell’abitudine.

Una volta chiarito questo, la zona di comfort non ci appare più come quell’area mostruosa e infruttuosa che ci ingloba perfidamente e ci impedisce di portare avanti i nostri progetti.

È invece quel posto dove tutto ciò che facciamo lo facciamo al meglio perché crediamo e sappiamo di poterlo fare.




La zona di comfort è quello spazio dove ci sentiamo al sicuro, dove la percezione del rischio è al minimo e dove tutto ciò che facciamo, lo facciamo al meglio


Valuta il rischio

A questo punto ti faccio una domanda: conosci almeno una persona che in una situazione completamente fuori dal suo ordinario, in cui l’ansia e lo stress la attanagliano, per cui crede di non essere preparata, agisca effettivamente al meglio delle sue potenzialità?


Immagina di essere tu in questa condizione:

ti approcci a una cosa per te completamente nuova, diversa da ciò che fai ordinariamente, l’ansia ti inizia ad invadere lo stomaco, non ti senti lucido e in grado di affrontare la situazione.

Qual è secondo te il risultato? Credi di trovarti nel terreno ideale per dare il meglio di te stesso?


Probabilmente no. Probabilmente, sei come me e come la maggior parte delle persone: agisci bene in una situazione in cui trovi a tuo agio, in cui ti senti sicuro e credi veramente di poter fare quello che stai facendo perché per te quella attività rientra nella tua normalità.


Ma veniamo al punto...




Come apprendere meglio


Qual è quindi il segreto per lavorare bene e nello stesso tempo allargare costantemente il proprio raggio di azione, le proprie capacità, le proprie conoscenze?


Abbiamo visto che la situazione ideale per agire è quella dove tutto avviene all’interno della nostra zona di comfort, ma se vogliamo apprendere nuove skills, fare nuove esperienze, il segreto è portare tutto ciò che sta fuori il nostro range di azione all’interno della nostra comfort zone.


Come?

Il primo passo consiste nell’iniziare gradualmente.



Se ci pensi, è come quando da piccolo impari ad andare in bicicletta o a nuotare.


Non sei salito direttamente sul sellino di una bicicletta senza rotelle, non ti è stato detto: bene, ora pedala!

Non ti hanno buttato nell’acqua profonda, dicendoti: stai a galla!




Il processo è stato graduale.

Questo vale per tutto e per tutte le età.

Il segreto è mantenersi sempre all’80% nella tua zona di comfort e al 20% provare cose nuove, studiare e acquisire strumenti che a oggi non ti appartengono (leggi l’articolo per approfondire questo concetto).



Allarga la tua zona di comfort


Così, passo dopo passo, allargherai gradualmente la tua zona di comfort e riuscirai a performare in maniera eccellente e con tranquillità in situazioni che prima ti sembravano fuori portata.


Ora, comprendi bene che se parliamo di lavoro questo diventa fondamentale.


Se immagini di affrontare un colloquio con un’azienda che ti piace parecchio ma senti che il compito specifico che sei chiamato a svolgere non rientra nelle tue capacità, al colloquio molto probabilmente sarai ansioso e agitato, pieno di dubbi sul fatto di trovarti nel posto giusto al momento giusto. La tua mente potrebbe dirti: è troppo presto.

E in fin dei conti non riusciresti a veicolare tutte le tue potenzialità perché queste vengono schiacciate dalla paura e dallo stato di agitazione in cui ti trovi.


Perciò, come affrontare questo problema?


Semplicemente prima di fare un colloquio, prima di cercare un lavoro, magari proprio il tuo lavoro ideale, cerca di portare dentro la tua zona di comfort tutto ciò che concerne il tuo lavoro. Studia a fondo ciò che è essenziale per svolgere i compiti richiesti, cerca informazioni, preparati.


Questo ti renderà sicuro di te e ad ogni step saprai esattamente quanto manca per raggiungere il tuo obiettivo.


Allargare la tua zona di comfort gradualmente ti permetterà di essere sicuro di te ad ogni step e di procedere senza intoppi nel raggiungimento dei tuoi obiettivi

Questo è quello che insegniamo in Accademia, ad entrare gradualmente nell’ottica che il lavoro che hai scelto e per cui stai studiando, in breve tempo, nel tempo necessario diventerà a tutti gli effetti il tuo lavoro, perché facciamo in modo che tu ti senta a tuo agio ad ogni step del percorso che intraprendi con noi.

Se sei curioso di scoprire di cosa si tratta, di quali professioni ci occupiamo e come funziona l’accesso in accademia, guarda la conferenza gratuita di Fenice Academy.




Post recenti

Mostra tutti