Potenti strategie di produttività e risparmi 3 ore al giorno

Se metti in pratica queste 2 strategie + 1 bonus che ti rivelerò alla fine di quest’articolo, respirerai aria di soddisfazione nel tuo lavoro



3 strategie per raddoppiare la tua produttività e battere il tempo a scacchi

Stai giocando una partita a scacchi h24/7 per tutti i giorni dell’anno contro un nemico invisibile, che stavolta non è il Covid.

Questo nemico è pericoloso.

Infatti conosce benissimo i tuoi punti deboli e quando meno te lo aspetti ti colpisce con brutale violenza.


Sto parlando della tua mente.


  1. È per questo che hai tanta voglia di sdraiarti e di non lavorare o studiare.

  2. È per questo che hai voglia di mangiare un bel panino al fast food, al posto di un piatto di legumi.

  3. È sempre per questo che ti piace così tanto scrollare sui social in attesa di una bella dose di notifiche e messaggi, invece di leggere un libro.

Lo so, non è facile contrastare questo nemico. È molto potente e allo stesso molto astuto.


Ma adesso ti faccio una domanda:

Come ti sentiresti se con uno schiocco di dita stile Thanos riuscissi a sconfiggere per sempre questo tentatore?

Non c’è dubbio sul fatto che proveresti un grande senso di soddisfazione e ti sentiresti con l’animo libero come una farfalla.


Sei consapevole però che la realtà è molto diversa da questa visione da sogno.

Eppure non c’è bisogno di rattristarsi troppo, perché adesso ti spiego nel dettaglio due strategie vincenti, che possono mettere la tua mente sotto scacco.

Se metti in pratica ciò che ti dirò, ti accorgerai che avrai molto più tempo libero da dedicare a te.


Non parlo di una manciata di minuti e nemmeno di una mezzoretta.

Parlo di ore e ore che riuscirai a risparmiare dallo spreco, per investirli in maniera più proficua.


Prima di partire, ti avviso che i due strumenti che dovrai usare necessariamente per applicare queste strategie sono carta e penna, quindi tienili vicino e svolgi gli esercizi che ti propongo.



Strategia numero 1: fare amicizia con l’ambiente


strategie di produttività: fare amicizia con l'ambiente di lavoro

L’ambiente è un elemento che gioca un ruolo importantissimo in termini d’influenza.

Il problema arriva quando non ti stimola a impegnarti, ma a distrarti.

Col lavoro da remoto questo peso si sente parecchio.

Mentre in ufficio c’è la predisposizione al lavoro, non ti è poi così faticoso concentrarti nelle varie mansioni.

Da casa il discorso è diverso.

È sempre stato l’ambiente del riposo e quindi è necessario che tu faccia in modo che la tua zona di lavoro sia organizzata per stimolare la tua produttività.


ESERCIZIO N.1

  1. Per questo scrivi da un lato tutti gli oggetti che ti possono tentare di distrarti (telefono, tablet, TV, letto, videogiochi…).

  2. Successivamente scrivi dall’altro lato gli oggetti, che invece possono esserti utili per concentrarti (libri, quaderni per gli appunti…).

  3. Una volta che hai fatto ciò, sostituisci i “tentatori della distrazione” con le “cheerleader della produttività”.


Un altro importante consiglio che ti do è quello di cercare, se possibile, di posizionarti lontano da divano, letto o poltrona.

Sono un’altra fonte di smarrimento molto pericolosa, perché potresti avere l’istinto di sederti o sdraiarti e rischieresti di spegnere il cervello.


Applicando questo consiglio, anziché avere l’ambiente a tuo sfavore, ti agevolerà nel metterti d’impegno sui tuoi studi e sui tuoi lavori.

Alla fine spenderai meno tempo a fare i tuoi compiti perché sarai in uno stato di flusso e non dovrai nemmeno fare troppa fatica a premere l’acceleratore con la forza di volontà.



Strategia numero 2: imparare a creare strategie


impara a creare strategie

Ho volutamente creato questo gioco di parole, per farti capire che senza quest’asso nella manica non riuscirai a vincere la partita a scacchi con la tua mente.

È vero che non puoi calcolare tutto ciò che farai durante la giornata contando ogni secondo.

È anche vero che se non hai un minimo di competenza in termini di organizzazione, sei come una barca che naviga senza meta.

Non sarai nelle condizioni per poter raggiungere il tuo obiettivo, qualunque esso sia.

Ed è proprio qui che il tuo nemico ti rifila la sua mossa speciale e ti fa scacco matto: approfitta della tua disorganizzazione per sedurti a perdere tempo.


Ancora una volta, carta e penna saranno i tuoi preziosi alleati per salvarti da un possibile KO.

Ti ripropongo lo stesso concetto, che puoi trovare nell’articolo su come sconfiggere il burnout.


ESERCIZIO N.2

Devi prima rispondere a questa domanda:

“Quali sono i momenti della giornata in cui ho più energie e quali sono i momenti in cui ne ho di meno?”


Sulla base della risposta che ti darai, procederai in questo modo:


  1. Svolgerai le attività più faticose nei momenti in cui sai di avere più forze

  2. Svolgerai le attività più leggere (o ti riposerai oppure farai hobby) nei momenti in cui sai che puoi essere sottotono


Questa semplice strategia ti permetterà di innalzare la tua produttività a livelli stratosferici, perché crei una compatibilità tra lo sforzo richiesto e l’energia che tu hai nel corpo e nella mente.



Strategia bonus: bevi tanta acqua


produttività: l'importanza di bere.jpg

Può sembrare banale. Invece è cruciale.

Il nostro corpo è fatto d’acqua per circa il 60%.

Il nostro cervello è, a sua volta, costituito d’acqua in una percentuale che tocca il 73%.


Basta col caffè.


Ti hanno infilato questa convinzione secondo cui il caffè ti tiene sveglio, ma è vero fino a un certo punto.


La vera benzina che muove la macchina del tuo cervello è l’ossigeno.

Questo significa che mentre stai lavorando o stai studiando, se mantieni un buon livello d’idratazione, avrai il cervello più attivo e più efficiente per un tempo prolungato.


Quanto più sei efficiente e produttivo, quanto più tempo risparmi, tanto più sei soddisfatto.


Se invece stai lavorando e senti la stanchezza mentale e continui a pressare, stai cercando di andare a 100km/h, quando la riserva di benzina è oramai quasi finita.

Rischi solo di far spegnere la macchina e rimanere a terra.

E cosa succede se ti si spegne il cervello, perché hai pressato quando non avresti dovuto?

Entrerà in gioco il tuo nemico, che ti apre le porte verso la distrazione.


Quindi il mio consiglio è di bere acqua, per mantenere sempre un livello di energia celebrale elevato.



Conclusioni


Nei nostri percorsi da Professionista del Futuro non spieghiamo solo il mestiere in sé, ma prima di tutto dedichiamo un’intera unità alla costruzione di un mindset orientato verso la creazione di risultati. I risultati si creano? Sì proprio così: non cadono dal cielo, non giungono dalle mani della dea Fortuna.

I risultati si costruiscono a partire da quella fabbrica di realtà che è la nostra mente.

Uno dei tanti argomenti che abbiamo trattato è, appunto, quello della produttività.

Inoltre, abbiamo creato un corso chiamato Double Productivity in cui svisceriamo profondamente quest’argomento.


Lo scopo è proprio quello di permetterti di tagliare il 50% del tempo che dedichi al lavoro, raddoppiando allo stesso tempo la tua capacità di produrre risultati. Se sei un nostro studente, parla col tuo tutor di riferimento per scoprire maggiori dettagli sul corso oppure, se sei pronto, per accedere direttamente e dare un boost alla tua produttività.


Se, invece, non sei ancora entrato in accademia, ti consiglio di telefonare direttamente al nostro numero verde per valutare insieme a un tutor quale percorso professionale può fare al caso tuo.






Dopo che lo avrai terminato valuterai se prenderti anche Double Productivity.