Il senso di colpa è inutile

È la prima volta, nel blog, che ci troviamo a parlare di questo argomento, ma è doveroso farlo perché condiziona fortemente, a volte senza che ne siamo del tutto coscienti, la nostra vita e le nostre scelte.


Partiamo da una domanda molto semplice: cos’è veramente il senso di colpa?



IL SIGNIFICATO DEL SENSO DI COLPA


La deduzione che ho fatto è la seguente:

qualcuno ti invia un messaggio allo scopo di ricordarti che sei stato cattivo, ingiusto o comunque non hai svolto bene un compito. Tu reagisci a questo messaggio rattristandoti. Che ti assalga anche un senso di rabbia o meno, alla fine il sentimento che la fa da padrone è una profonda tristezza per aver mancato al proprio compito o dovere.


È un po’ come se fossi una macchina che cammina, parla e respira, e che, ad ogni messaggio che sottolinea un qualche malfunzionamento o presunto tale, reagisce abbattendosi, colpevolizzandosi.

È anche necessario sottolineare come la società nella quale viviamo alimenta costantemente il senso di colpa in ognuno di noi. Basti pensare alle innumerevoli occasioni in cui si è voluto trovare un capro espiatorio al quale dare tutte le colpe di una situazione.

Ma non perdiamoci in argomenti che non ci competono, piuttosto comprendiamo invece dall’attualità e dalla storia come in definitiva la società di cui facciamo parte è incline a questo tipo di meccanismo.


E allora? Cosa fare?



IL SENSO DI COLPA NON È NECESSARIO


Prima di tutto, sfatiamo il mito che vuole il senso di colpa necessario. Tutt’altro.


senso di colpa

Da bambini, in alcune occasioni capitava che gli adulti volessero instillare, consciamente o meno, il senso di colpa al bambino che eravamo per fare in modo che imparassimo la lezione. Non avendo ancora anticorpi predisposti a difenderci da queste pressioni, finivamo per assorbirle e accumulare sensi di colpa.


Ma, notizia delle notizie:

imparare dai propri errori avviene tramite un meccanismo che con il senso di colpa non ha niente a che fare.

Sono semplicemente due condizioni antitetiche.



Infatti, imparare dai propri errori è un aspetto molto salutare e necessario per la crescita, diversamente il senso di colpa non solo ci tormenta e ci affligge per ciò che abbiamo fatto in passato ma ci immobilizza nel presente.

Ciò significa che, oltre a non permetterci di migliorare, il senso di colpa non ci fa imparare nessuna lezione.


Di seguito vediamo 3 punti per i quali non dobbiamo più praticare questa emozione.


1. il senso di colpa non è sano perché quando avviene si consumano inutilmente energie nel presente, energie spese nel sentirsi offesi, irritati o depressi per una cosa già successa. E oltre a non essere un’emozione sana è anche inutile, perché non esiste senso di colpa che permetta di cambiare il passato.


non esiste senso di colpa che permetta di cambiare il passato

2. Sarebbe meglio spendere il tempo che passiamo, piuttosto che a sentirci colpevoli di una cosa che è già avvenuta, nel valorizzarci o capire come possiamo imparare dall’errore commesso e, se possibile, mitigarne le conseguenze. Strano a dirsi ma per qualcuno il senso di colpa serve proprio a questo: ad evitare di correggersi, crogiolandosi nella tristezza.


3. È molto più facile spostare indietro nel tempo le responsabilità piuttosto che impegnarsi nel migliorare nell’oggi. Che vuol dire? Semplicemente che immobilizzarsi sul passato grazie al senso di colpa è più facile che percorrere nel presente la via del miglioramento e della crescita personale.


"Invece di sentirti in colpa o cercare delle scuse per delle azioni negative compiute in passato, incomincia ora ad agire positivamente." ~Jim Morrison~

crescita personale

In ultimo, un consiglio:

guarda al passato come qualcosa di immutabile, come qualcosa di ormai finito, concluso. Non c’è nessun senso di colpa che possa cambiarlo.

Stampati questa frase nella tua mente.

Scrivila nel tuo quaderno degli appunti.

E tieni a mente la differenza di cui abbiamo parlato poc’anzi:

la differenza tra sentirsi in colpa e trarre lezioni utili dal passato.



Questa importante lezione fa parte dei meccanismi che concorrono alla formazione della nostra mentalità, del nostro mindset, che influenza in maniera importante le nostre azioni, le nostre abitudini e la nostra vita quotidiana.


La tua mentalià, il modo in cui pensi, in cui guardi al mondo, in cui credi che le cose funzionino non è immutabile. Perciò, se pensi che ci sia qualcosa che ti blocchi e che non ti permetta di vivere la vita che desideri, ti consigliamo di iscriverti al nostro canale Telegram dove troverai tantissimi consigli che ti aiuteranno a cambiare il tuo mindset e, di conseguenza, la tua vita.